Mould e patchwork …impariamo ad usarli

Se anche voi come me, non avete una manualità da neo-Michelangelo, non avete tempo, avete figli che proprio sul più bello hanno immediato bisogno della vostra presenza… ecco che considererete questi stampi stra-utili e di sicuro effetto… Ma avete provato ad usarli? Le mie amiche sugar-dipendenti lamentano non poche difficoltà nell’utilizzo dei patchwork cutters e anche di molti mould, specie quelli che ci consentono di riprodurre i particolari più piccoli e/o meglio definiti… ovviamente anche io, come le mie amiche e, probabilmente come voi, ho provato varie volte… ma la pasta di zucchero si appiccicava o si “stracciava” sul cutter, e nel caso dei moulds, una volta inserita la pdz dentro lo stampo al momento di estrarre il soggetto…un dramma.. si deformava tutta la figura ottenuta!

Fino a che a casa mia non è entrato trionfalmente il cmc (carbossimetilcellulosa) un addensante in polvere che ci consente di rendere più plastica ed elastica la pdz, in più noterete che si asciugherà più in fretta e manterrà meravigliosamente la forma… indispensabile nel modelling!
Ho scoperto anche che spolverizzando il piano di lavoro con il cmc, i patchwork si lavorano con molta più facilità…
Qui sotto vi mostro come ho fatto, quindi prima cosa pdz, poi cmc, il nostro cutter (che si chiama broderie anglaise B) e poi un magico attrezzino che si chiama “cutting wheels”… date un’occhiata…

Passiamo all’operazione mould, cioè agli stampi in silicone…
Per ottenere una riproduzione fedele del soggetto scelto è nescessario calcolare l’esatta quantità di pasta di zucchero che andrà inserita all’interno del mould, premere poi delicatamente cercando di fare aderire la pasta di zucchero ad ogni parte del particolare dello stampo, Ricordate che se si mette, troppa pdz si rischia di deformare il soggetto poi al momento della sformatura. Nell’eventualità in cui la figura da riprodurre sia ricca di particolari è consigliabile mettere lo stampo in freezer per 5 minuti. Trascorso questo tempo tirare fuori dal freezer sformare et voilà. Eliminare l’eventuale eccesso di pasta di zucchero con un coltellino.
Ecco qui sotto un’altra sequenza, si comincia posizionando la pallina di pdz sullo stampo …

poi si schiaccia e si fa aderire bene al mould, in freezer 5′ e dopo si sforma

Ecco qui il nostro amico orsetto, qualche piccolo particolare da sistemare con il coltellino..

E adesso eccolo pronto!

Spero di esservi stata utile, a presto!

You Might Also Like

4 Comments

  • Reply
    Coloranti Alimentari
    26 maggio 2015 at 8:22

    Davvero utile complimenti!!!

  • Reply
    Anonimo
    18 novembre 2011 at 23:03

    Bello e molto utile!!
    Grazie per la condivisione!

  • Reply
    zolletta
    4 ottobre 2011 at 17:54

    intanto ce l'hai fatta a commentare 😉 e poi smettila di dire fesserie che ce la fai benissimo!!

  • Reply
    Francesca
    3 ottobre 2011 at 9:20

    Ciao…avessi anch'io questi stampi in silicone..può darsi possa fare qualcosa di veramente carino, visto che non sono eccellentissima….

  • Leave a Reply

    CONSIGLIA Ciambella 12 Cucchiai Arancia e Cioccolato

    Send this to a friend