Vacanze in Sicilia: Tindari

laghetti-di-marinello

Nella splendida provincia di Messina, lungo la costa nord orientale della Sicilia si trova Tindari, un piccolissimo borgo facente parte del Comune di Patti, situato su un promontorio a picco sul mar Tirreno e sulla Riserva naturale orientata dei laghetti di Marinello (uno dei laghetti nella foto quassù). Ci si arriva prendendo l'uscita del casello di Patti o di Falcone, è rinomato il Suantuario della Madonna Nera, tappa obbligata per ogni turista della zona, ma meno conosciuta è la riserva di Marinello, una laguna incantevole che muta ogni anno aspetto, i laghetti sono salmastri, si trovano proprio sotto il picco di roccia del promontorio dove sorge il Santuario, tutto intorno una spiaggia di ghiaietta finissima trasportata dal Tirreno. L'acqua in questa zona sembra cristallo, la bellezza e lo splendore di questo territorio meritano davvero una visita.
riserva-di-Tindari
santuario-madonna-neraNoi abbiamo raggiunto la riserva con una piccola barchetta che mette a disposizione dei turisti anche l'ombrellone qualora non l'aveste, per pochi euro vi accompagnano sulla spiaggia di Marinello, ogni ora ripassano nel luogo stabilito per riportarvi indietro. Da Tindari comunque la spiaggia dei laghetti si può raggiungere anche a piedi. Se non avete portato acqua a sufficienza o siete preda di un certo languorino, niente paura, c'è chi si attrezza al meglio per fornire i servizi anche nella riserva 😀
Se dopo la visita al Santuario vi andasse di restare a cena, vi consiglio di cenare da "Pane e Vino", l'abbondanza e la qualità del cibo, (in pratica vi sfamate solo con gli antipasti) e i prezzi onesti vi aiuteranno ad aspettare con maggiore pazienza, bisogna prenotare! Vi lascio una ricetta facile e gustosa, delle zucchine ripiene alla siciliana, ottime come antipasto ma anche come secondo piatto.
zucchine ripiene
 
tempo di preparazione
tempo di cottura
tempo totale
 
per 4 persone
Scritto da:
Ricetta: siciliana
Categoria: secondi
Ingredienti
  • 4 zucchine lavate e tagliate esattamente a metà
  • 200 g di ricotta di pecora (usate il tofu sbriciolato se le preferite vegan)
  • 50 g di olive verdi o nere secondo i gusti
  • 2 cucchiai di pecorino grattugiato (facoltativo per i vegani)
  • 1 cucchiaio di pepe rosa
  • 1 cucchiaio di semi di zucca (o sesamo o lamelle di mandorle o granella di nocciole)
  • 1 cucchiaio di menta fresca triturata
  • ½ cucchiaio di coriandolo in polvere
  • 4 cucchiai di pangrattato
Procedimento
  1. Scavate le zucchine con l'apposito attrezzo o con un coltellino in maniera da togliere tutta la parte dei semi, fatele bollire in acqua salata, per circa 6 minuti. Poi con l'aiuto di una schiumarola o di pinze da cucina, toglietele dall'acqua e lasciatele asciugare con la parte scavata rivolta verso il basso su una tovaglietta. Intanto mescolate la ricotta con la metà del pecorino, le olive tagliate in piccolissimi pezzetti, il pepe rosa, la menta e il coriandolo. Riempite ogni barchetta di zucchine con la farcia a base di ricotta, cospargete con i semi di zucca e il pangrattato mescolato al restante pecorino, disponetele su una teglia coperta di carta forno, versateci sopra un filo di olio extravergine di oliva e infornate a 180° per circa un quarto d'ora.

Alla prossima ^_^

 

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply
    Annalisa -Piccanti Sapori Speziati-
    1 settembre 2015 at 18:17

    Ciao, mi dispiace dello spiacevole inconveniente…i luoghi che hai descritto li conosco benissimo…sono i miei, che spettacolo, vero?
    Ottima preparazione!!!

  • Leave a Reply

    vota questa ricetta:  

    CONSIGLIA Gelato al matcha

    Send this to a friend