Donuts – e una nuova puntata della saga di Scalpo Reciso

donuts glassati-

 

Chi mi legge da tanti anni lo conosce bene, ma i nuovi lettori meritano una piccola premessa, Scalpo Reciso è mio figlio, l’adolescente di casa.

Quando iniziai a scrivere di lui sul blog, gli diedi il nome di Scalpo Ostinato perché allora appena undicenne, non ne voleva sapere di tagliarsi i capelli e andava in giro come il cugino Itt, anni dopo si decise a tagliare la zazzera incolta che gli copriva gli occhi e da quel momento fu rinominato “Scalpo Reciso”.

Tante ne ha combinate, le sue avventure sono state spesso raccontate qui a grande richiesta, da un anno però taccio su di lui, e anche se su Facebook mi è stato più volte sollecitato un piccolo aggiornamento non ho potuto venire incontro alle richieste, rischiavo di compromettere la sua reputazione di brillante neo fidanzato, mi spiego?

Scalpo Reciso dopo i 5 anni di agonia passati al liceo, ha deciso contro ogni previsione di iscriversi all’Università, all’inizio ho pensato che lo facesse per farsi bello agli occhi della sua studiosissima fidanzata, poi, visto che ha continuato con il suo “metodo” fatto di lunghe dormite, giochi online e pseudo-apatia, leggasi #lasciamiinpacemamma #soquellochefaccio, ho pensato che neanche la bella figura con la fidanzata l’avrebbe spronato.

Siamo arrivati ad oggi, la fidanzata me lo ha mollato settimana scorsa, e lui ha il primo esame orale da sostenere a fronte di ZERO ore passate a studiare, anzi se contiamo stanotte per dovere di cronaca vi dirò che ha letto e ripetuto per circa 5 ore.

Si presenta davanti al professore con un pacchetto di M&M in mano e probabilmente con la bocca piena, il prof passa allo studente subito dopo di lui dicendogli “finisca!” Io sarei svenuta, lui ha finito il pacchetto.

Tocca a Scalpo Reciso finalmente, ed ennesimo colpo di scena ce la fa! Si alza con i complimenti del professore che gli dice pure: “lei è uno studente raro, assimila i concetti e li fa suoi!”

#nomariaioesco Ma adesso come glielo spiego che DEVE studiare e non giocare? Mi crederà mai?

Sapete che significa questo? Almeno altri 3 anni di ansia! Si perché l’ansia è tutta mia, lui non ne è minimamente colpito, per fortuna sua, sono io che mi deprimo a guardarlo davanti al pc, chiuso in quella camera 3 metri per 3, neanche gli avessero dato i domiciliari, la cervicale che urla pietà è mia!

donuts

Print Recipe
Donuts - ciambelline americane
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 1 ora
Porzioni
15 donuts
Ingredienti
per la glassa al cioccolato
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 1 ora
Porzioni
15 donuts
Ingredienti
per la glassa al cioccolato
Istruzioni
  1. Vi servirà poi un taglia-biscotti del diametro di 8 cm e un taglia-biscotti del diametro di 3 cm
  2. Sciogliete il lievito di birra, seguite le istruzioni sulla confezione, ci sono lieviti che vanno direttamente mescolati alla farina e altri che vanno sciolti in acqua. In una planetaria o in una ciotola se non l'avete, mescolate la farina con lo zucchero, aggiungete adesso il latte, il burro ridotto a fiocchetti, i tuorli, il sale e la vaniglia, e infine il lievito sciolto nell'acqua, sempre che non sia stato già mescolato alla farina.
  3. Lavorate l’impasto nella planetaria per circa 5 minuti, quindi trasferitelo in una terrina leggermente unta, coprite con pellicola alimentare, poi con un canovaccio e una coperta, e lasciate lievitare finché non sarà raddoppiato di volume (saranno necessarie circa 1 ora-1 ora e 1/2).
  4. Trasferite l’impasto su un piano di lavoro precedentemente infarinato. Stendetelo con il matterello ad uno spessore di 1,5 centimetri. Con il taglia-biscotti più grande ritagliate un dischetto di pasta, quindi praticate con il taglia- biscotti più piccolo un buco al centro per ricavare delle piccole ciambelle.
    come si fanno le ciambelle americane
  5. Ponete i donut in una teglia rivestita di carta da forno, coprite quindi con un canovaccio pulito e lasciate lievitare ancora per circa 30-40 minuti, fino a quando le ciambelline non saranno raddoppiate di volume.
  6. Scaldate l’olio in padella profonda, portatelo alla temperatura di 160 °C e friggete i donut, massimo tre per volta, rigirandoli su entrambi i lati, per circa 2 minuti o finché non saranno ben dorati. Scolateli su carta da cucina per eliminare l’olio in eccesso.
glassa al cioccolato
  1. portate la panna quasi a bollore e spezzettateci dentro il cioccolato, mescolate con una frusta fino a quando il composto diventerà liscio e lucido. Immergete delicatamente ogni ciambellina e lasciatela poi scolare il cioccolato in eccesso su una gratella. Aggiungete gli zuccherini colorati secondo le vostre preferenze quando ancora il cioccolato non è completamente asciutto.
    donuts glassati
Recipe Notes

per eseguire una buona frittura, con tutti i trucchetti da seguire del caso, vi rimando alla ricetta dei bomboloni

donuts glassati-

 

ciambelle americane

 

 

 

 

 

 

You Might Also Like

6 Comments

  • Reply
    Alice
    12 marzo 2017 at 11:43

    Ale <3 mi hai fatto ridere e sorridere, immaginando di essere li a vedervi ahahaha direi che questi donuts sono il suo premio!! in bocca al lupo al tuo scalpo fortissimo!!!!! Buona Domenica dolcezza

    • Reply
      ginestra
      12 marzo 2017 at 22:48

      grazie Ali! Sono contenta che tu sia passata ^_^ Per quanto riguarda l’adolescente riferirò le tue parole appena esce per l’ora d’aria dalla sua cella camera 😉

  • Reply
    Ely
    11 marzo 2017 at 14:05

    Ecco tu mi fai morire!!!! Perchè nel tuo Scalpo Reciso, vedo il mio Scalpo dread 🙂 17 anni, orecchino dilatatore, 4° anno al liceo scientifico musicale, suona in una band, si è fatto un tatuaggio e Dio solo sa cosa mi aspetta, fidanzatina carina, bravina che studia canto e che fa la catechista (lui che si ritiene ateo) e leggendo le vostre avventure sono confortata, penso che il mondo sia pieno di “sventurate” mamme come noi, che poi a dirla in breve, io lo amo alla follia e questa sua follia mia piace anche ma lui non lo deve sapere eh!!!!! Quindi ti sorreggo per i prossimi 3 anni e che…. Dio ci aiuti!!!!
    E che vuoi che ti dica, mi sparo due Donuts che mi tirano su e faccio una passeggiata verso la Chiesa, che pregare non ha mai fatto male a nessuno 🙂 Un bacione grande!!!!

    • Reply
      ginestra
      12 marzo 2017 at 22:52

      Ely capisco benissimo, anche io adoro il mio signor Cuffia lo sai, ma ci sono giornate che penso di non uscirne viva o quantomeno in possesso di tutte le mie facoltà mentali,
      mi fa diventare matta questo suo atteggiamento.
      Dio ci aiuti davvero!
      un bacione

  • Reply
    Stefania
    10 marzo 2017 at 20:14

    È un grande, punto! 😀

    • Reply
      ginestra
      12 marzo 2017 at 22:52

      Si, si …esaltamelo tu!
      Te lo spedisco con il primo treno!

    Leave a Reply

    CONSIGLIA Blini con pesto di pomodorini secchi, basilico e mandorle

    Send this to a friend